ANCORA TANE PERICOLOSE PER GLI ARGINI

5 aprile 2021

L’intervento di manutenzione ordinaria eseguito dal Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno a Castiglion Fiorentino ha evidenziato ancora una volta il problema L’ente ha investito le economie per “riparare” le cavità scavate dagli animali sul torrente e prevenire possibili franamenti in alveo

Le immagini parlano da sole.

Dopo i recenti consolidamenti, il problema “tane” si è riproposto in tutta la sua gravità.

Gli animali selvatici, che amano dimorare  lungo i corsi d’acqua, sono tornati   a scavare gli argini del Vingone.

Siamo a Castiglion Fiorentino, uno dei territori più gettonati dalla fauna che popola le sponde.

La presenza di colonie massicce e consolidate in questa zona  è confermato dalla periodica scoperta di lunghe gallerie e profondi cunicoli, che minano la stabilità  degli argini e  si manifestano in superficie con ampie aperture: fori spesso nascosti dalla vegetazione che emergono con evidenza solo dopo le operazioni di sfalcio dell’erba.

Una storia che si ripete con preoccupante frequenza.

Prima dello stop ai tagli scattato a inizio marzo, i tecnici e gli operai del Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno,  portando a termine un intervento di  manutenzione ordinaria lungo il corso d’acqua, hanno notato la presenza di nuove e importanti cavità, di dimensioni tali da rendere il terreno estremamente fragile.

Di qui la decisione di investire le economie dell’intervento per mettere gli argini del torrente al riparo da eventuali pericoli di franamento, pericoli che – soprattutto in questo periodo dell’anno -  le piogge   potrebbero contribuire ad accentuare e ad aggravare.

I lavori sono stati eseguiti in amministrazione diretta dagli operai del Consorzio che hanno ancora tamponato l’emergenza chiudendo le tane.

“E’ chiaro che si tratta di soluzioni costose e poco efficaci nel medio-lungo periodo – spiega la Presidente del Consorzio Serena Stefani -. Infatti chiudere le tane porta solo a un allontanamento temporaneo degli animali che, con il tempo, tendono a tornare nelle zone colonizzate, dove possono reperire facilmente il cibo e dove hanno trovato condizioni di vita più favorevoli. L’assenza di predatori e soprattutto gli inverni più miti rispetto al passato hanno favorito la proliferazione di molte specie, in particolare delle nutrie, che, negli ultimi anni, si sono moltiplicate in modo esponenziale. L’impegno del Consorzio, oltre ad agire per eliminare eventuali criticità idrauliche, è di promuovere, di concerto con gli altri Consorzi di Bonifica della regione  e ad ANBI Toscana, l’associazione in cui sono riuniti, lo studio e lo sviluppo di tecnologie che possano permettere di rilevare tempestivamente la formazione di tane,  in modo da agevolare la prevenzione di rotture arginali che, in caso di piene, potrebbero causare in tempi brevissimi ed improvvisamente inondazioni e danni ingenti a persone e cose con effetti spesso devastanti”.

Consorzio 2 Alto Valdarno via E. Rossi 2/L - Arezzo (AR) 52100 - CF. 02177170517 - Telefono: +39 0575 190 02 - Fax: +39 190 02 99
Email: [email protected] - Web: http://www.cbaltovaldarno.it

Powered by Arezzo Telematica spa